Dell’Utri, la contestazione ed il Corriere della Sera

Come molti di voi sapranno ieri a Como, in occasione della presentazione dei presunti diari di Mussolini ritrovati da Dell’Utri, il Senatore ha subito una pesante contestazione, che lo ha costretto ad abbandonare il palco; per quanti non l’avessero ancora visto, o per coloro che come me provano una sottile soddisfazione nel rivederlo, ecco il video dell’accaduto

Ho già scritto un post (uno di quelli che ritengo fra i meglio riusciti) riguardo a Marcello Dell’Utri, Senatore condannato in primo e secondo grado per concorso esterno in associazione mafiosa, nonchè grande fan del boss mafioso Vittorio Mangano, e per questo avevo pensato di lasciar passare i fatti di ieri senza aggiungere ulteriori commenti; Ma poi ho commesso l’errore di cedere alla curiosità e di verificare in che modo era stata vista la contestazione nel mondo dei media italiani…

Non mi aspettavo niente di buono, ovviamente, da giornalacci come Libero o Il Giornale, ma sono stato molto sorpreso incappando nell’articolo di Pigi Battista del Corriere della Sera! Ed è stato proprio in quel momento che ho deciso che a riguardo avrei dovuto dire la mia…

Ho pensato molto a quali toni e quali parole avrei dovuto utilizzare per esprimere la mia opinione, ma ad un certo punto, per puro caso, mi sono imbattuto in un video che ho ritenuto molto più esaustivo di qualsiasi cosa mi fosse fino a quel momento passato per la testa. E mi sono reso conto che niente sarebbe stato più efficace ed appropriato di questo filmato di Byoblu per rendere al meglio le mie idee…

Perciò ecco “Ma la vergogna?”, di Claudio Messora, in arte Byoblu:

P.S.: Già che ci sono ne approfitto per fare un pò di meritata pubblicità a Claudio:

come avevo scritto qualche tempo fa (qui il post) Byoblu si è occupato in uno strepitoso documentario contenuto in 2 dvd della vicenda dell’Aquila e degli studi di Giampaolo Giuliani sul Radon e sulla possibilità di prevedere i terremoti; dopo aver visto i filmati montati da Claudio mi sento di consigliare vivamente l’acquisto del cofanetto: è un documento interessantissimo, ricco di spunti ben approfonditi, equilibrato (vengono messi a confronto sia la versione di Giulaini, che quella dell’INGV), ed a tratti addirittura clamoroso (cito come esempio il filmato tra gli extra in cui viene mostrato un servizio censurato dalla Rai). Merita davvero di essere visto e divulgato, parola di Liscadpesce… Per info cliccate sul banner sottostante!

Acquista Internet For Giuliani

3 commenti:

  1. il diritto di contestare è una cosa. a Dell'Utri invece è stato impedito materialmente di parlare: questo è incivile e incostituzionale.

    L'aggressione bolscevico-fascista a Dell'Utri offende la Costituzione

    RispondiElimina
  2. In linea generale sarei d'accordo con te, ma non si può pretendere che la gente stia zitta di fronte a situazioni come quella di Dell'Utri! Se lasciasse la sua carica nessuno andrebbe a contestarlo... E non dimentichiamoci che si trova in Senato grazie ad una legge elettorale palesemente incostituzionale! L'unico modo che ci rimane per combattere la mafia è una presa di coscienza generale, che dia vita ad una rivolta del popolo contro la criminalità organizzata! Perciò ben vengano le contestazioni verso i mafiosi! D'altra parte basta leggere le sentenze di condanna per rendersi conto che Dell'Utri non dovrebbe godere degli stessi diritti di una persona comune...

    RispondiElimina
  3. Un post di un altro blog riguardo questo argomento che condivido in pieno e chiarisce alla perfezione il concetto...

    http://nonleggerlo.blogspot.com/2010/09/ecco-perche-fischiare-dellutri-e-cosa.html

    RispondiElimina

Qui puoi lasciare il tuo commento...